Nei sotterranei del vecchio Pastificio Pantanella, oggi laboratorio per la creazione delle scenografie del teatro dell’opera, si conservano ancora i resti di uno dei più bei mitrei della Roma Antica: oggi grazie ad un’apertura speciale abbiamo la possibilità di visitarlo.

Non abbiamo in calendario una visita per questo sito Contattaci per concordare un'apertura speciale!

Visita guidata: 10

Biglietto di ingresso al sito: 4/gratuito per i possessori di MIC Card

Info: 334 7401467

 

Trovato negli anni Trenta durante i lavori di consolidamento delle fondamenta del palazzo, questo sotterraneo è oggi perfettamente conservato. Nell’antica Roma Imperiale, ci dovevano essere circa 150 mitrei, 150 luoghi di culto dedicati alla divinità orientale Mitra. Erano ambienti solitamente nascosti e sotterranei dove si riunivano gli adoratori di questa divinità e avvenivano le celebrazioni del culto.
Il Mitreo del Circo Massimo si trovava alle spalle del famoso circo, ed era stato realizzato in quella che forse era la residenza di un personaggio legato all’amministrazione dei giochi nel circo. All’interno diverse stanze una di seguito all’altra: un ingresso, una sorta di sagrestia e in fondo il santuario vero e proprio dove avveniva anche il sacrificio del toro che celebrava la nascita del mondo, così come le più antiche tradizioni persiane insegnano. Protagonista indiscusso di questo ambiente è oggi un sarcofago in marmo: trovato durante i lavori che portarono alla scoperta del mitreo, il sarcofago riporta su un fianco una bellissima decorazione che sintetizza il culto misterico. Intagliati nel marmo infatti, oltre alla rappresentazione del sacrificio del toro, molti altri elementi che riconducono al tema della nascita del mondo e della ciclicità del tempo.

 

Luogo dell'appuntamento: Piazza Bocca della Verità, 16a

Per questa visita il luogo dell'appuntamento è raggiungibile alle coordinate GPS presenti nel link in basso; è consigliabile presentarsi 15 minuti prima dell'inizio della visita per espletare tutte le formalità del caso

Naviga verso il louogo dell'appuntamento